Aprire un’azienda agricola e renderla competitività in 5 passaggi. Credi sia impossibile? Assolutamente no! Tutto si basa sul corretto progetto di azienda agricola. In altre parole, quando si vuole aprire un’azienda agricola partendo da zero o si vuole diventare imprenditore agricolo per la prima volta, è bene tenere conto di 5 passaggi fondamentali. Non sto qui a parlarti delle misure burocratiche da prendere (per quello puoi richiedere una consulenza oppure leggere il nostro articolo che spiega tutto su come aprire un’azienda e quali sono i requisiti necessari per aprire un’impresa agricola). Oggi ti voglio parlare di come fare per creare il progetto di azienda agricola, in modo da renderla solida, competitiva e dalla quale tu possa guadagnare dalla vendita dei tuoi prodotti agricoli. Vediamo quindi come fare e come deve essere strutturato un progetto di azienda agricola.

Del Dott. Francesco Giannetti

progetto di azienda agricola

Progetto di azienda agricola

Aprire un’azienda agricola è certamente molto importante e tutto parte dalla decisione che si è presa. Una decisione che richiede di considerare l’impegno e la fatica da dedicare all’agricoltura, agli animali, alle piante, alla terra, ma anche nei confronti di tutte quelle politiche che oggi stringono il settore agricolo in una morsa italiana ed europea.

Conosci la legge e conoscerai tutti i modi per evaderla.

Questo proverbio non è mai stati più vero che nel nostro settore. Con questo non ti sto assolutamente invitando ad evadere la legge, anzi. Ti sto semplicemente dicendo che devi conoscerla a fondo per capire cosa ti è permesso di fare e come lo puoi fare.

Per questo è fondamentale realizzare un corretto progetto di azienda agricola, perché su di esso si basa tutta l’attività dell’azienda, gli obiettivi, la stima dei guadagni che si possono ottenere, l’organizzazione aziendale e addirittura la vendita dei prodotti.

Vediamo allora quali sono i 5 passaggi da seguire per creare un ottimale progetto di azienda agricola.

Primo passaggio: l’impresa e i suoi protagonisti

progetto di azienda agricola
Figura 2: nella famiglia coltivatrice, tutti i componenti di età maggiore o uguale a 18 anni sono imprenditori agricoli coltivatori diretti

Nel documento del progetto di azienda agricola, come primo punto deve essere riportato il titolo: “L’impresa e i suoi protagonisti”. Sotto di esso devono essere descritti il soggetto proponente e la descrizione dell’azienda. Vediamoli entrambi.

Soggetto proponente

Il soggetto proponente non è altro che colui (persona fisica o società) che vuole aprire l’impresa agricola. Devono essere indicati i dati anagrafici della persona o, nel caso di società, dei soci che costituiscono l’impresa. Altresì devono essere indicate le qualifiche (ad esempio la qualifica di imprenditore agricolo professionale – IAP o coltivatore diretto), il tipo di impresa o società che si vuole istituire (azienda biologica, azienda convenzionale, società di persone, società di capitali, ecc.) e il motivo che ha spinto i soggetti ad aprire l’azienda agricola.

Descrizione dell’azienda

La parte in cui riportata la descrizione dell’azienda è un punto cruciale del progetto di azienda agricola. In essa devono essere descritti i seguenti punti:

  1. Struttura produttiva: si deve indicare dove è localizzata l’azienda, da quanti ettari è composta, quanti sono gli ettari di proprietà e quanti in affitto, gli edifici (stalle, annessi, pertinenze, ecc.) che ne fanno parte, cosa vuole produrre e quale è l’ordinamento produttivo. Bisogna inserire, inoltre, tutto ciò che l’azienda ha in più o in meno, i cd. comodi e scomodi o, come si usa nel calcolo estimativo dei beni economici, le aggiunte e le detrazioni.
  2. Descrizione dei processi produttivi: è questo il paragrafo del progetto di azienda agricola in cui devono essere descritte tutte le operazioni colturali che l’imprenditore agricolo intende eseguire, quindi anche le rotazioni colturali. Oltre a ciò, deve essere elencato anche tutto il parco macchine aziendale e l’utilizzo che di ognuna di essere se ne farà.
  3. Struttura e management: se nella prima parte del progetto abbiamo elencato chi sono i soggetti protagonisti della nostra impresa agricola, ora si devono descrivere i ruoli di ognuno di essi. Parliamo quindi di legale rappresentante, agronomo che si occupa della gestione delle attività di campo, dei dipendenti a tempo determinato o indeterminato e degli operai avventizi. Pertanto, in definitiva, deve essere descritto tutto l’organigramma aziendale.
  4. Mercato di riferimento: in questa parte, invece, si deve dichiarare a chi verranno conferiti i prodotti. In altre parole, si deve descrivere se tali prodotti vengono venduti alla GDO (grande distribuzione organizzata, come i supermercati), se vengono venduti in azienda e/o a privati, se vengono ceduti a cooperative e che tipo di filiera si vuole adottare.

Secondo passaggio: il progetto di sviluppo

progetto di azienda agricola
Figura 3: esempio di tappe di progetto

La parte sul progetto di sviluppo è quella parte in cui chi redige il business plan dell’impresa agricola dichiara quali siano le intenzioni dell’azienda da un punto di vista finanziario – imprenditoriale. Quali investimenti si vuole fare? In che modo si cercherà di ridurre le spese? Come si renderà più competitiva l’impresa agricola? È un’impresa agricola tecnologicamente avanzata?

Sono queste ed altre le domande pertinenti lo sviluppo aziendale alle quali bisogna rispondere. Se c’è un progetto in atto, si devono descrivere anche le spese e le tappe dello stesso, schematizzando oggi passaggio anno per anno: come nella Figura 3 sopra riportata.

Terzo passaggio: piano finanziario e vendita dei prodotti

vendita diretta prodotti agricoli
Figura 4: conoscere i canali di vendita è alla base della solidità aziendale.

Il terzo passaggio è forse quello più delicato del progetto di azienda agricola. Il piano finanziario, infatti, descrive tutto il flusso monetario dell’impresa.

In questo contesto, si rivelano molto importanti tutte le voci riferite al marketing aziendale. In altre parole sto parlando di tutto ciò che concerne il marketing e la vendita dei prodotti agricoli.

Un’impresa agricola è un’impresa a tutti gli effetti e per tale motivo deve ottenere dei guadagni! È impossibile consolidare un’impresa agricola che, se pur produce il migliore vino del mondo o il miglior olio del mondo o i migliori formaggi del mondo, non è capace però di piazzare i suoi prodotti sul mercato.

Quali sono i migliori canali di distribuzione? Quali sono i canali di vendita più remunerativi?

La più grande necessità delle aziende agricole, forse, oggi è proprio questa: vendere i propri prodotti! Ma come?

Spesso gli agricoltori mi chiamano chiedendomi di aiutarli a vendere i loro prodotti, da quelli orto-frutticoli ai formaggi, dal latte ai cereali, dal vino all’olio e chi più ne ha più ne metta. L’unica soluzione, oggi, è essere competitivi.

Ma cosa vuol dire essere competitivi? Quando si redige il progetto di azienda agricola bisogna tenere conto che, come noi, in molti potrebbero avere le nostre idee, quindi dobbiamo differenziarci! Renderci diversi, dare ai consumatori prodotti di qualità ad un prezzo minimo possibile.

Dobbiamo rendere i consumatori dipendenti dai nostri prodotti. Come fare?

Dopo quasi 10 anni di esperienza nel marketing agroalimentare, io e alcuni miei colleghi abbiamo creato un corso di marketing e vendita dei prodotti agricoli e agroalimentari. Un corso molto semplice ma che ti insegna tutti i segreti su quali prodotti vendere e come venderli.

SCARICA ORA IL CORSO

Quarto passaggio: i cambiamenti a seguito dell’investimento

progetto di azienda agricola
Figura 5: è da saggi cambiare idea, perché tutto è possibile in corso d’opera.

È possibile che, per vari motivi, ci possano essere delle variazioni in corso d’opera. Queste variazioni devono essere indicate nel progetto di azienda agricola in modo preciso e dettagliato.

Le variazioni possono riguardare il parco macchine, le proprietà terriere, gli edifici agricoli, le produzioni, l’organizzazione aziendale, la forza lavoro, ecc.

Anche il mercato di riferimento potrebbe subire dei cambiamenti: sicuramente il tuo cambierà dopo aver seguito il nostro corso di marketing e vendita dei prodotti agricoli. Ne troverai di migliori!

Quinto passaggio: i risultati attesi

Cosa ti aspetti di ottenere dalla tua azienda? Quanto credi di poterci guadagnare? Quali spese pensi di dover sopportare e quali guadagni immagini di raggiungere? Qual è il flusso di cassa? Hai ricevuti dei premi comunitari?

Nel progetto di azienda agricola devi rispondere a tutte queste domande, in modo chiaro e preciso. Inoltre, devi anche redigere una tabella con il conto economico consuntivo e previsionale. Ti lascio un esempio di seguito (Figura 6).

Figura 6: esempio di conto economico consuntivo e previsionale di azienda agricola.