In questi ultimi anni, il mal dell’esca ha colpito molti vigneti soprattutto nel centro Italia, a causa dei cambiamenti climatici che hanno interessano la zona e di alcune tecniche di allevamento della vite. Il mal dell’esca è una malattia che attacca principalmente le foglie della pianta e, per tale motivo, causa una produzione di uva minore rispetto a quella aspettata. In questo articolo vedremo insieme cosa fare in caso di comparsa di mal dell’esca e come eliminarlo.

Del Dott. Francesco Giannetti

mal dell'esca

Mal dell’esca o Apoplessia della vite

In linea generale il mal dell’esca è una malattia fungina, ossia una malattia il cui agente patogeno (ciò che ne provoca la comparsa) è un fungo.

Solitamente, la maggior parte di malattie fungine sono provocate da un unico fungo. In questo caso, invece, il mal dell’esca è causato da più di una specie di funghi i quali, nell’insieme, provocano il complesso dei sintomi di questa patologia.

A livello scientifico, ancora oggi non è ben chiaro quali siano i funghi responsabili del mal dell’esca, o meglio non si conoscono quali siano i sintomi riconducibili ad ognuno di essi.

In altre parole, quando si parla di mal dell’esca ci si riferisce ad una sintomatologia non specifica in quanto sono molti i funghi isolati in laboratorio.

I funghi per cui si ha maggiori conoscenze sono prettamente due, Stereum hirsutum e Phellinus igniarius, ossia quelli responsabili della disgregazione spugnosa dei tessuti legnosi.

In realtà, come detto, il complesso di funghi responsabili di questa patologia sono molti di più.

Sintomi

I sintomi del mal dell’esca sono tipici e caratteristici e possono verificarsi

  • sulle foglie
  • sui grappoli
  • sui tralci e sul legno

Sulle foglie

I sintomi sulle foglie compaiono soprattutto in piena estate. Sono caratterizzati da aree giallastre, internervali e marginali, al cui centro si formano estese necrosi rossastre. Il tessuto tende a lacerarsi in fase di disseccamento.

La foglia si presenta colpita da mal dell’esca subisce una colorazione come quella nell’immagine presente all’inizio di questo articolo e nell’immagine seguente.

mal dell'esca

I danni sulle foglie provocano una minore attività fotosintetica della pianta la quale, per compensare alle carenze, produrrà meno frutti del dovuto. Le foglie, quindi, disseccano e/o cadono.

Sui grappoli

Sui grappoli possono verificarsi 2 tipi di sintomi:

  • macchie necrotiche: gli acini maturano irregolarmente
  • profonde alterazioni degli organi legnosi: i grappoli sui tralci morenti si seccano rimanendo attaccati.

Sui tralci e sul legno

I sintomi del mal dell’esca che si verificano sui tralci e sul legno sono causati dai funghi patogeni che si insediano in essi.

Così facendo, provocano la disgregazione dei tessuti legnosi i quali iniziano un processo di disseccamento che dapprima li porterà a ridurre la loro consistenza, successivamente li porterà alla morte.

mal dell'esca

Le infezioni al legno e ai tralci possono provocare la morte della pianta anche dopo qualche anno.

Come si elimina

Se sei arrivato fino a questo punto è perché vuoi davvero sapere come curare il Mal dell’Esca.

Per questo ho creato un’unica GUIDA PRATICA che potrai applicare DA SOLO, senza bisogno dell’intervento di un professionista!

Se vuoi avere anche tu la GUIDA, eccola ad un PREZZO D’OCCASIONE!

37 €

CLICCA il tasto “Paga adesso” qui sopra PER ACQUISTARLA

Una volta effettuato il pagamento (con PayPal o Carta di credito), la guida arriverà alla tua e-mail.

Cosa stai aspettando? Ogni momento che passa la pianta soffre e la produzione si riduce! Potresti rischiare di raccogliere nemmeno un grappolo d’uva l’anno prossimo! Vuoi davvero che accada questo?