Esistono molti parassiti del melo che possono danneggiare i nostri frutteti, spesso con ingenti perdite produttive. In questo articoli vi illustrerò quali sono.

Del Dott. Francesco Giannetti

Afide grigio del melo (Dysaphis plantaginea)

parassiti del melo

L’afide grigio del melo è uno dei parassiti del melo più pericolosi per il nostro frutteto. Gli adulti, lunghi circa 3 mm, hanno un colore grigiastro tendente al violaceo. 

Questi insetti sono ricoperti da uno strato di cera “polverulenta”.

Il danno è dovuto alle punture che questo parassita del melo reca alla pianta per nutrirsi. Queste punture possono essere provocate sia sui fiori, provocando aborti fiorali, che sui frutti ancora piccoli, i quali cresceranno malformi e con dimensioni ridotte a quelle normali.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare l’afide grigio del melo: Solo 7,99 €

Afide galligeno fogliare (Dysaphis devecta)

parassiti del melo

Detto anche Afide delle galle rosse, proprio per il danno che provoca sulle foglie della pianta.

Le sue punture, infatti, causano dei caratteristici accartocciamenti longitudinali lungo la gran parte del margine fogliare.

Proprio lungo questi accartocciamenti, la foglia indurisce e assume un colore rossastro-violaceo

Lotta

Acquista la guida su come eliminare l’afide gallino fogliare: Solo 7,99 €

Afide verde del melo (Aphis pomi)

parassiti del melo

Come dice il nome stesso, questo afide ha un colore verde tendente al giallino chiaro.

Vive in grandi colonie sui germogli e sulla pagina inferiore delle foglie. Il danno, anche in questo caso, è provocato dall’attività trofica dell’insetto e consiste nell’accartocciamento della foglia.

Di solito non attacca i frutti.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare l’afide verde del melo: Solo 7,99 €

Afide lanigero del melo (Eriosoma lanigerum)

parassiti del melo

Un po’ più piccolo dei precedenti, e di colore rosso-violaceo, è ricoperto da una sostanza cerosa biancastra.

Il danno è provocato dalle punture che esegue per nutrirsi. Attacca soprattutto i giovani rami e gli organi legnosi più morbidi.

I succhi salivari dell’insetto, inoltre, provocano la deformazione degli organi.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare l’afide lanigero del melo: Solo 7,99 €

Cocciniglia di San Josè (Quadraspidiotus perniciosus)

parassiti del melo

La cocciniglia di San Josè è uno dei parassiti del melo non originari del nostro paese, infatti è originaria della Cina ed è giunta in Europa nei primi anni del 1900, quasi sicuramente a causa degli scambi commerciali con l’Oriente.

È un parassita molto pericoloso perché trascorre quasi tutta la sua vita protetto da un follicolo impermeabile e per questo difficile da sconfiggere mediante la gran parte dei prodotti fitosanitari.

Si raduna in colonie su branche, tronchi, rami, frutti e foglie, infestando praticamente tutta la pianta.

I danni sui frutti sono ben evidenti, in quanto si possono notare macchie rossastre al cui centro è presente un puntino grigio.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare la cocciniglia di San Josè: Solo 7,99 €

Cemiostoma del melo (Leucoptera malifoliella)

parassiti del melo

È un lepidottero lungo 7-8 mm da adulto, quindi una farfalla di colore grigio-argento.

Il danno è provocato soprattutto dalle larve, le quali, sulle foglie, si cibano del materiale vegetale provocando caratteristiche gallerie spiralate a cerchi concentrici.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare il cemiostoma del melo: Solo 7,99 €

Licollete del melo (Phyllonorycter blancardella)

parassiti del melo

Questo insetto è un minatore fogliare, ossia (allo stadio di larva) scava lunghe gallerie sulla pagina superiore delle foglie, al di sotto della cuticola.

Così facendo, provoca il deperimento della foglia e quindi l’attività fotosintetica della pianta.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare il licollete del melo: Solo 7,99 €

Iponomeuta o “Ragna” del melo (Hyponomeuta malinellus)

parassiti del melo

Anche in questo caso, il danno è provocato dalle larve che si nutrono delle foglie e dei giovani germogli.

L’iponomeuta è uno dei parassiti del melo più grandi.

Riconoscere la presenza delle larve è possibile in quanto le stesse costruiscono dei nidi tra i rametti, dentro cui si proteggono e svolgono il loro normale ciclo biologico.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare l’iponomeuta o “magagna” del melo: Solo 7,99 €

Carpocapsa (Cydia pomonella)

parassiti del melo

Anche la carpocapsa rientra nel gruppo dei parassiti del melo più pericolosi.

Il danno è causato dalle larve, le quali si nutrono dei frutti in qualsiasi stadio del loro sviluppo. Questo provoca indubbiamente gravose perdite di produzione, nonché un aggravio della qualità della frutta raccolta.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare la carpocapsa:Solo 7,99 €

Ricamatrice delle Pomacee (Pandemis cerasana)

parassiti del melo

La ricamatrice è un insetto parassita, anch’esso lepidottero, dalle grandi dimensioni che può arrivare a misurare anche 16-22 mm.

Il danno è dovuto al fatto che le sue larve si cibano del materiale vegetale dei frutti, dei fiori, delle foglie e delle piccole mele nate da poco.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare la ricamatrice del Pomacee:Solo 7,99 €

Sesia del melo (Synanthedon myopaeformis)

parassiti del melo

Misura circa 20-25 mm e ha il corpo totalmente nero con un caratteristico anello arancio-rosso sull’addome.

Lotta

Acquista la guida su come eliminare la sesia del melo: Solo 7,99 €

Forse ti potrebbe interessare anche:

Rogna dell’olivo